Regione Marche Agricoltura
Regione Marche
image08.jpg
MIGLIORAMENTO DELLA COMPETITIVITà DEL SETTORE AGRICOLO E FORESTALE MIGLIORAMENTO DELL'AMBIENTE E DELLO SPAZIO RURALE QUALITà DELLA VITA NELLE ZONE RURALI E DIVERSIFICAZIONE DELL'ECONOMIA RURALE ATTUAZIONE DELL'APPROCCIO LEADER
Voi siete qui: Home ACCORDI AGROAMBIENTALI

ACCORDI AGROAMBIENTALI

Stampa  E-mail 

Accordi agroambientali d'area Biodiversità

 

Il PSR 2007-2013 della Regione Marche ha previsto la possibilità di promuovere la realizzazione di accordi agroambientali territoriali funzionali a garantire un approccio territoriale integrato in grado di favorire una maggiore consapevolezza di azione da parte degli agricoltori.

L’accordo è costituito dall’insieme degli impegni sottoscritti dagli imprenditori agricoli di un particolare limitato territorio, a fronte delle compensazioni effettuate a valere sulle misure che possono essere attivate nell’ambito dello stesso. L’accordo coinvolge ed aggrega intorno alla specifica criticità, un insieme di soggetti pubblici e privati nell’ambito di un progetto condiviso, in grado di attivare una serie di interventi coordinati, volti al superamento o alla mitigazione della criticità stessa.

Gli accordi agroambientali prevedono che un “Soggetto promotore” assuma un ruolo di coordinamento e aggregazione degli agricoltori di un delimitato territorio ed in particolare:

-     svolge l’azione di animazione per la creazione ed il mantenimento dell’accordo d’area;

-          assume il ruolo di capofila per l’intero gruppo di beneficiari;

-          presenta il progetto di massima e, in caso di approvazione di quest’ultimo, coordina la presentazione dei progetti definitivi da parte dei singoli beneficiari;

-          è il riferimento dell’Autorità di gestione (Regione Marche) per le verifiche dello stato di attuazione dell’accordo d’area.

Nel 2011 è stato dato avvio con DGR n. 490/2011 agli Accordi agroambientali d'area per la “Tutela della biodiversità”.

In tale ambito il soggetto promotore dell’accordo deve essere un Ente gestore delle aree Natura 2000, individuato ai sensi della Legge Regionale n. 6 del 12 giugno 2007, per il territorio di propria competenza (Comunità Montana, Provincia, Ente parco o Ente gestore di A.P.). Nel caso di aree ricadenti sotto la competenza di più soggetti è necessario individuare un Ente Gestore capofila.

A seguito dell’iter amministrativo successivo all’emanazione dei bandi sono stati approvati 6 progetti esecutivi di Accordi agroambientali.

Le aree interessate da tali Accordi insistono sui seguenti territori all’interno della Regione Marche: il Parco Nazionale dei Monti Sibillini, il Parco Regionale del Conero, il Parco Naturale Gola della Rossa e di Frasassi, il Parco Naturale del Sasso Simone e Simoncello, la Riserva Naturale Statale Montagna di Torricchio, l’area Monte Catria, Monte Acuto e Monte della Strega.

 


Ultimo aggiornamento ( Venerdì 29 Giugno 2012 10:27 )